il colore nel paesaggio costruito

 

Presso il Politecnico di Milano, Dipartimento del Colore, è in corso un laboratorio di ricerca condotto da Cristina Boeri, per la riqualificazione, con interventi unicamente cromatici, di alcuni punti di attraversamento pedonale (nello specifico sottopassaggi, ingressi di metropolitane, tunnel, sovrappassi) della rete viaria e ferroviaria Milanese. Il team è composto dai docenti del Dipartimento,  da studenti specializzandi e da architetti che operano professionalmente con il colore. L’elaborazione grafica dell’immagine in questo post è della designer Chiara Iemmolo. Al link maggiori dettagli  http://www.labcolore.polimi.it/sperimentazioni-cromatiche

Nel paesaggio costruito abbiamo come architetti la responsabilità di inserire artefatti che siano rispettosi dell’ambiente.  Poichè l’architettura è sempre colore, o assenza di colore, e costituisce percezioni che restano nel tempo, l’uso del colore in architettura pone interrogativi. Un nucleo storico, un quartiere di nuova espansione hanno parimenti necessità di un colore pensato, progettato e condiviso, perchè la percezione del colore possa interagire con altri aspetti che riguardano la vita di relazione nella città e sostenere identità, senso di appartenenza alla comunità, comportamenti civili…

Condividi: