indaco

http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/indaco/

L’indaco, incluso da Newton tra i colori dell’arcobaleno, forse solo per raggiungere il magico numero sette : le sette meraviglie del mondo, i sette vizi capitali, le sette note musicali…

Da allora l’indaco sta tra il blu e il viola. Ma per alcuni l’indaco è solo un altro blu.

Con il nome indaco ci riferiamo anche al pigmento che si ottiene per macerazione delle foglie di una pianta indiana, l’Indigofera Tinctoria e di una pianta erbacea europea, la Isatis Tintoria, anche conosciuta con il nome di Guado. Questo colore è variabile perché è una tinta naturale e i tessuti tinti con l’indaco scolorano con la luce. E il colore varia se osserviamo i tessuti tinti, il pigmento in polvere o in pani, le vasche in cui si tiene la macerazione delle foglie e le immagini diffuse sul web, che creano percezioni falsate delle tinte osservabili in natura. L’indaco è inafferrabile e misterioso, un colore che affascina : con l’indaco sono state dipinte le case di Jodhpur nel Rajasthan indiano, i turbanti dei Tuareg, i tessuti Batik, i blu jeans…

 

Share Post :

More Posts